Biblioteca dell’Africa

Addio allo scrittore e attivista Binyavanga Wainaina

Lo scrittore e attivista  kenianio Binyavanga Wainaina è deceduto il 21 di questo mese di maggio. L’Africa perde uno dei suoi grandi autori . Nato in Kenya 48 anni fa, lo scrittore e attivista LGBT, ha avuto un ruolo significativo nel plasmare la letteratura, non solo in Kenya e in Africa, ma anche nel mondo intero. In Italia è stato pubblicato un solo suo libro dall’editore  da 66th and 2nd

La variabile africana

La variabile africana Raffaele Masto; Egea, 2019 pp 18, 18,00 € Raffaele Masto, giornalista, scrittore, conduttore radiofonico a Radio Popolare, viaggia per l’Africa da oltre venti anni. Osservatore attento e curioso con i suoi reportage e i suoi libri ci aiuta a conoscere e capire più da vicino alcuni spaccati di questo grande continente. Con questo suo ultimo libro sgombera il campo di alcuni stereotipi africani tra continente perduto e

Mozambico: un ventennio di democrazia

Un ventennio di democrazia. Il Mozambico tra successi, limiti e nuove sfide a cura di Luca Bussotti e Umberto Marin Editore: Bookabook ; 400 pagine, 18 euro Puoi richiedere una copia all’indirizzo progetti@timeforafrica.it con uno sconto del 15% Politica, economia, cultura, tradizioni religiose, agricoltura, diritti umani, filosofia e letteratura, infine cooperazione italiana. Questo e altro è possibile trovare nelle circa 400 pagine di questo libro, unico nel suo genere, anche

Figli di sangue e ossa

Tomy Adeyemi, Figli di sangue e ossa Traduttore: S. Pezzani Editore: Rizzoli Anno edizione: 2018 Pagine: 552 p. . Vincitore del premio Goodreads Choice Awards 2018. Debut author Un viaggio epico per cercare di riconquistare la magia, attraverso una terra stupefacente e pericolosa. Un tempo i maji, dalla pelle d’ebano e i capelli candidi, erano una stirpe venerata nelle lussureggianti terre di Orïsha. Ma non appena il loro legame con gli dei si

Fratelli Migranti - Contro le barbarie

Patrick Chamoiseau, Fratelli Migranti ADD Editore, 123 pagine, € 14,00 Questo libro invoca la creazione di una politica mondiale dell’ospitalità che dica una volta per tutte, in nome di tutti, per tutti, che per nessuna ragione al mondo può esservi straniero in un angolo di questa terra. E’ un libro scritto per essere recitato, letto, cantato, ascoltato, declamato, offerto alle danze, il suo linguaggio è fatto di boati, di suoni