African Village

L'Africa del cinema a Cannes 2019

Il 72° Festival di Cannes ospita ancora autori africani con film candidati alla Palma d’Oro. Sono Mati Diop (1982), Ladj Ly (1980) e Abdellatif Kechiche (1960).  Quest’anno la partecipazione di registi e artisti africani è piuttosto nutrita e ciò fa bene al Festival e all’Africa. Mati Diop regista franco senegalese ha ereditato l’arte di suo zio, il regista senegalese Djibrl Mambéty. Con il suo documentario del 2013 Mille Soli, ha

TIME FOR AFRICA A EXCO2019 CON IL PROGETTO ENJOY AGRICULTURE

Anche Time For Africa è presente a EXCO 2019 presso lo stand della Regione Friuli Venezia Giulia con il progetto Enjoy Agriculture, una Start up per la promozione dell’agricoltura e del turismo sostenibile a Dakar in Senegal. Elisabetta Demartis, referente del progetto in loco, interverrà su “Ricerca scientifica e trasferimento tecnologico: elementi chiave per uno sviluppo sostenibile”. EXCO 2019 | LE REGIONI ITALIANE PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Ricerca scientifica e

Afrodiscendenti italiani cresciuti tra due o più culture

SABATO 11 MAGGIO ORE 17-19 TEATRO SAN GIORGIO DI UDINE Che cosa significa essere afrodiscendenti in Italia? Nell’ultimo anno, a partire da un discorso istituzionale fino ad arrivare all’opinione pubblica, si è ampiamente diffusa l’equazione migrante uguale africano. Giornalisti come Enrico Mentana, piuttosto che figure politiche come il sindaco di Milano Giuseppe Sala, si sono espressi sulla questione migranti identificando quest’ondata migratoria, verso il territorio italiano, come più problematica di

Arte africana in Italia

L’arte africana continua la sua penetrazione in Italia e in Europa. Attraverso l’arte e la cultura è anche più facile conoscere e capire le differenze per favorire il dialogo e la reciprocità. In questi anni, la presenza degli artisti africani nelle prestigiose gallerie d’arte europee è aumentata per quantità e qualità. Anche la Biennale d’Arte di Venezia ha favorito questa espansione che ci consente di capire e comprendere le traiettorie

Cambiare il clima culturale per favorire il clima ambientale

Le grandi manifestazioni dei giovani studenti di venerdì 15 sulla spinta di Greta Thunberg hanno rilanciato la priorità della lotta al cambio climatico. Tutti dovremo darci da fare cambiando innanzitutto le nostre abitudine che devono diventare più green, più attente al consumo responsabile, più  sobrietà individuale. Contemporaneamente i governi, a partire da quelli delle nazioni occidentali che hanno guidato e continuano a farlo, anche assieme alla Cina, lo “sviluppo”  capitalistico